L'Antro di Ulisse Vol. XXII


Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

Live Report: Novembre

Novembre

Fabrik, Cagliari

13 Maggio 2016

 

testi e foto di

 

L'atteso debutto dei Novembre in Sardegna in realtà è un ritorno, in quanto nel lontano 1992, quando ancora si chiamavano Catacomb, già erano approdati in terra sarda. Sia come sia, i Nostri, tornati in pista dopo una prolungata assenza durata parecchi anni, ribadiscono dal vivo non soltanto la loro rilevanza quali prime movers del doom/death continentale, ma anche quella di attuali, incontrastati leader della medesima scena. Rinvigoriti dalle forze fresche (rispettivamente chitarra e batteria) prelevate dai pugliesi Silvered, Carmelo Orlando, da sempre pugnace timoniere ed il fedele nocchiero Massimiliano Pagliuso, stasera hanno offerto una performance che ha soddisfatto pressoché tutti gli astanti intervenuti. Tanto quelli della prima ora (che hanno goduto delle mirabili versioni di "The Dream Of The Old Boats" e "Sirens In Filth", brani con quasi trent'anni sulle spalle), quanto i novizi rimasti letteralmente a bocca aperta davanti alle eccellenti "Australis", "Annoluce" ed "Ocean Of Afthernoons", nuovi classici su cui è imperniato "Ursa", l'album recentemente pubblicato. Nel mezzo, un pugno di classici ("Triesteitaliana", "Aquamarine", "Umana" ed un'esaltante reprise di "Nostalgiaplatz") proposti con classe e stile riconoscibilissimi, in cui preziosismi strumentali e pathos interpretativo (courtesy of un Carmelo ormai frontman al 100%) si fondono alla perfezione regalando brividi caldi. Proprio quelli che "Child Of The Twilight" ha elargito a piene mani, confermando, qualora qualcuno ne sentisse l'ulteriore bisogno, la grandezza di una band vivida quanto le lacrime che vedo scorrere sul viso di una spettatrice all'epilogo di un concerto entusiasmante.