L'Antro di Ulisse Vol. XXII


Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

Recensione: Active Heed "Higher Dimensions"

Active Heed "Higher Dimensions"

(Autoproduzione)

Per Chi Ascolta: New Prog

Con "Higer Dimensions" torna dopo due anni dal buon "Visions From Realities, il compositore e scrittore di testi Umberto Pagnini. Ritorna assieme al suo Prog ispirato, spesso gentile e mai forzato, con l'ausilio di un altro grande nome del panorama italiano moderno, Cristiano Roversi (Moongarden), qui in veste sia di arrangiatore che di produttore. Il gruppo musicale che partecipa al progetto è composto oltre che da Roversi (tastiere e basso), da Gian Maria Roveda (batteria), Mirco Ravenoldi (chitarre) e Per Fredrik Asly (PelleK) (voce). L'artwork è ad opera di Antonio Seijas. Dodici sono i brani, ad iniziare da "The War Of Tempos", canzone che apre il disco con veemenza, al confine fra Hard Prog e New Prog. Godibili le fughe di tastiera di Marillioniana memoria. Arpeggio di chitarra per l'intro "Genesiano" di "Far Escape" per poi giungere al boato sonoro di tastiere a cascata. Se proprio dobbiamo ricercare pecche, le possiamo scovare in una vocalità non sempre all'altezza dei momenti sonori, probabilmente meno cantato avrebbe giovato all'ascolto. Non che PelleK non sia bravo, anzi, ma diciamo che accade un poco quello che accadeva con i Marillion, ossia una logorroicità lirica a discapito di una musica invece sempre all'altezza della situazione. In altri casi invece la voce di PelleK si trova perfettamente ad agio. Più debole "A Little Bit Expired", seppur gradevole. Ci pensa "Gaps In Time" a rialzare il tiro con una piccola visita nel Folk di matrice anglosassone, canzone orecchiabile e spaziosa. "Higher Dimensions" è un album scorrevole, pregno di giuste melodie, come non nominare "Multiple Replies", l'epicità di "The Numbers Of God", anche "Kick-Ass Grammar" è la classica canzone che un amante del genere vorrebbe sempre ascoltare, con tastiere in abbondanza, arpeggi di chitarra acustica, cambi umorali e di tempo. Anche il sottoscritto apprezza e di che tinta! Altre canzoni interessanti a cui lascio a voi la sorpresa di scoprire. Il genere Rock Progressivo Italiano sembra godere di una fiammella pilota sempre accesa, alla faccia dei gufi che lo hanno sempre dato per finito negli anni '80, consiglio loro di documentarsi meglio e di ascoltare dischi come questo. Di certo non un must, tuttavia oggi neppure un genio come Steven Wilson riesce a registrare un capolavoro… misteri dei nostri tempi.


 

Cosa funziona: I passaggi strumentali sempre trascinati da tastiere poderose

Pelo Nell'Uovo: Voce che non sempre è adatta a tutti i brani