L'Antro di Ulisse Vol. XXII


Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

Recensione: Andy Rock "Into The Night"

Andy Rock "Into The Night"

(AOR Heaven / Frontiers)

Per Chi Ascolta: Classico AOR anni ottanta

Sinora il musicista greco Andy 'Rock' Peyos era conosciuto per il suo ruolo di chitarrista e compositore della band ellenica Wild Rose, autrice lo scorso anno dell'album "Half Past Midnight" (Retrospect Records) pieno di splendide melodie AOR reminiscenti in pieno la metà degli anni ottanta. Da qualche settimana Andy è uscito con una raccolta di undici canzoni realizzate in prima persona, tranne le parti di batteria affidate a Giannis Papavasiliou, e se da un lato è da lodare la devozione verso il più classico ed orecchiabile suono AOR/Melodic Rock anni ottanta, preparate ed arrangiate con grande perizia e conoscenza del genere che non possono che far godere i fans più puristi che, però, si lamenteranno della debole produzione degna di un buon demo (anni ottanta) e della voce poco espressiva di Andy. Intendiamoci, il ragazzo è intonato e si sono ascoltati in passato cantanti ben peggiori o inadatti, ma in questo caso dispiace sentire una così buona collezione di brani ben suonati quanto non adeguatamente interpretati, e sappiamo tutti quanto una buona voce faccia spesso la differenza nell'elevare o affossare le sorti di un brano e di un album. Le tastiere dominano e guidano l'ascoltatore attraverso il viaggio nostalgico di Andy Rock nei meandri del classico e levigato AOR che ha i suoi massimi esponenti in Michael Bolton, Richard Marx, Van Stephenson e Robert Tepper, senza dimenticare i Cars del famoso hit "Drive" in qualche modo nella mielosissima "I Wanna Be With You". Sono fortemente dibattuto nel darvi indicazioni su "ITN" perchè da un lato mi piacerebbe premiare il coraggio e la passione di Andy che dimostra di avere talento innegabile nello stendere ammalianti e catchy frasi melodiche come l'opener "Love Is Not A Game", " Waiting For Your Love" ed il singolo "Without You". Dall'altro lato la citata debole produzione e la scarsa attitudine di Andy a rivestire il ruolo di lead singer appiattiscono sensibilmente il risultato finale che finisce così col risultare semplicemente un buon album e null'altro.


 

Massima Allerta: "Love Is Not A Game", " Waiting For Your Love", "Without You"

Pelo Nell'Uovo: produzione e cantato inadeguato alla bisogna