L'Antro di Ulisse Vol. XXII


Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

RECENSIONE: Arab In Aspic "Strange Frame Of Mind"

Arab In Aspic "Strange Frame Of Mind"

(Black Widow)


Per Chi Ascolta: Progressive Rock nordico con tutto quello che offre il loro DNA

La nostrana Black Widow è attiva nei confronti dei fenomeni musicali Hard Prog e se questi hanno in più sfumature oscure, ben vengano. Non a caso nella scuderia è arruolata una band Norvegese dal nome Arab In Aspic, che comunque non dava segno di se dal 2004. Giungono con "Strange Frame Of Mind" al terzo lavoro in studio dopo "Progeria" (2003) e "Far Out In Aradabia" (2004). Si formano in Norvegia nel 1997 grazie alla passione musicale di Jostein Smeby e del collega chitarrista Tommy Ingebrigsten. Il nome della band, ai più attenti di voi, non sarà di certo sfuggito, il richiamo ai King Crimson è palese.  In effetti anche stilisticamente ci sono legami, anche se non troppi, ma io aggiungerei anche i Black Sabbath ed i svedesi Black Bonzo. Importanti dunque i riferimenti agli anni '70 e persino quelli di certi '60, quando la Psichedelìa Rock cominciava a dare i primi importanti segnali di esistenza. Energia Rock fra i riff di chitarra sempre supportati da un concreto tappeto di tastiere e " The Flying Norseman" mostra una band che riesce a bilanciare con saggezza melodie da cantare con della musica non del tutto scontata. Gli assoli di chitarra sono l'essenza dell'Hard Prog, divertimento e classe all'attenzione dell'ascoltatore. Come in una lunga suite proseguono inanellate "Dive" ed "Into My Eyes" ed i Genesis fanno capolino fra le note, lasciando nella mente quella sensazione di grandezza, ma anche di tempi passati. Ritorna alla grande l'Hard Prog con "Morket", riff compatto e cadenzato come Tony Iommi (Black Sabbath) ci ha insegnato, ma gli Arab In Aspic  curano anche la parte vocale con cori in sottofondo. Tutto scorre via come la velocità delle dita sui tasti dell'Hammond, per la gioia di chi è rimasto ancorato, con giusta causa, agli anni '70. "Fall Til Marken" è estremamente nordica, Black Bonzo, Landberk, Anekdoten fuoriescono prepotentemente fra le note della composizione, fra nostalgia ed energia, connubio che solo le band in questione e poche altre sanno trattare contemporaneamente. Grande musica e suoni imperiosi, da overdose emotiva. "TV" non esula da quanto descritto, mentre mi sento di sottolineare la produzione sonora, che riesce giustamente a presentare un suono vintage e comunque a distinguere fra strumentazioni, voce e coralità annesse con nitidezza. Le canzoni a venire godono di buoni ritornelli e giocosi refrain, sui quali si alternano importanti solo strumentali, senza rendere per nulla scontato ogni singolo movimento. "Strange Frame Of Mind" è ricolmo di sensazioni e suoni, un connubio che piace totalmente a chi vive di Prog e aggiungerei anche di Rock, in quanto basta ascoltare "Have You Ever Seen The Rain Pt2" per averne un idea. Questo degli Arab In Aspic è un ritorno prepotente e massiccio, uno schiaffo vero e proprio a testimonianza che il genere è comunque vivo e vegeto, alla faccia di chi lo snobba. Devono solamente imparare a proporsi graficamente, l'artwork non è degno specchio dell'ascolto.


 

Momento D’Estasi: Le parti strumentali , specie se in crescendo,sono i punti massimi dell’ascolto.

Pelo Nell’Uovo: C’è da lavorare ancora sulla personalità, ma la strada è giusta.