L'Antro di Ulisse Vol. XXII


Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

Intervista: Queensryche

Intervista ai Queensryche, raccolta a Stoccolma sulla Sweden Rock Cruise lo scorso 12 Aprile 2013 dal nostro inviato Maxx Barzelatto!

intervista di

LUNGA VITA ALLA REGINA!!!
Ve lo possiamo garantire, I Queensryche son tornati, e l’han fatto alla grande! Non solo grazie ad un concerto incendiario al quale abbiamo avuto il piacere di assistere durante la crociera organizzata dallo Sweden Rock, ma la dimostrazione ci è stata data anche dall’autentico bagno di folla che ha preso d’assalto il meet ‘n’ greet e dall’impossibilità di poterli incontrare, dopo il concerto, a causa della loro fittissima agenda degli appuntamenti. Per fortuna, è venuto in nostro soccorso il nuovo cantante Todd LaTorre, memore dell’intervista per Flash che gli facemmo due anni orsono, in Olanda, con i suoi Crimson Glory, e la compiacenza del loro nuovo tour manager, il mitico Fozzy.
In breve tempo ci siamo così trovati in una lussuosa conference-room a parlare con tutti e cinque i “vecchi”  componenti dei rinati Queensryche, e, a fatica, siamo riusciti a contenerne l’entusiasmo.

Dopo avervi rivisti ieri in azione possiamo affermare che “I Queensryche sono ancora vivi e vegeti”?
Assolutamente! Puoi dirlo forte, ci sentiamo rinati e completamente rigenerati! Abbiamo trascorso un anno veramente fantastico, travagliato, impegnativo, di movimento, di transizione.  Un anno importantissimo e decisivo per la rinascita della nostra band! Io (Scott Rockenfiedl, il batterista) e Michael (Wilton, il chitarrista) abbiamo deciso di dare continuità e di raccogliere l’eredità di una band così prestigiosa come i Queensryche.  Abbiamo pertanto voluto darle un nuovo volto e scrivere un pagina importante in questa nostra reincarnazione.  Poi abbiamo avuto la fortuna di incontrare Todd (LaTorre, il nuovo vocalist), per cui è stato un periodo a dir poco decisivo, e, allo stesso tempo, molto positivo della nostra carriera.

Ci potete raccontare come avete conosciuto il vostro nuovo vocalist, Todd?
[Michael Wilton] E’un episodio divertente che difficilmente dimenticherò (ridendo). Al termine di una mia esibizione ad un clinic al famoso NAMN californiano, chiacchieravo con i Dokken quando mi si è avvicinato Todd, che io non conoscevo ancora, per farmi i complimenti, ma in realtà mi aveva scambiato per Eric Peterson dei Testament [risate collettive]
[Scott Rockenfield]Meno male che non ti ha scambiato per Chuck Billy [in effetti il vocalist dei Testament è fisicamente il doppio del piccolo Whip ndr] 
[Todd LaTorre, interrompendo tutti] Ho fatto veramente la figura del coglione! Tra l’altro Michael era assieme ad un altro suo amico, si son sbellicati dalle risate e mi han preso in giro per un bel po’ fino a quando mi han svelato la figuraccia che mi ero fatto. Però da lì abbiamo iniziato a chiacchierare di musica, ci siamo scambiati gli indirizzi email,  i numeri di cellulare, ecc…
[Michael Wilton] Anche perché, visto che Geoff Tate era impegnato nei sui progetti solisti, io avevo comunque bisogno di continuare a suonare ed esibirmi dal vivo. Cercavo un cantante per un nuovo progetto che avevamo in mente, volevamo creare qualcosa al di fuori dei Queensryche…di conseguenza sono nati i Rising West! Al di là dell’episodio un po’comico che ti ho raccontato, direi che Todd ci è capitato al momento giusto nel luogo giusto!

A giudicare dal concerto di ieri sera, direi che avete trovato il cantante giusto, proprio il vocalist che fa per voi!
Abbiamo fatto già una ventina di esibizioni dal vivo con lui, show fantastici, incendiari, durante i quali abbiamo visto il seguito dei nostri fans aumentare di data in data, e parallelamente crescere pure il loro entusiasmo soprattutto quando eseguivamo pezzi del nostro vecchio repertorio. Canzoni che, con gli ”altri” Queensryche non erano più previste in scaletta da anni, forse perchè non eravamo più in grado di eseguire (qualche riferimento a Geoff Tate? ndr). Al di fuori dei concerti, anche una volta entrati in studio di registrazione, ci siamo accorti quanto la “chimica” e la sintonia di questa nuova band siano giunte a livelli straordinari. Siamo definitivamente rinati!

Todd, ma fai ancora parte dei Crimson Glory?
All’inizio pensavo di poter rimanere comunque in entrambe le bands. Devo tanto ai ragazzi dei Crimson Glory, non solo perchè mi hanno fatto conoscere in giro per il mondo. Mi sono lasciato con loro ma son rimasto ancora in ottimi rapporti. Il motivo della mia dipartita però non è dipeso dal fatto di esser entrato in pianta stabile con i ‘Ryche. Due anni fa è iniziato il writing process per un nuovo disco con i Crimson Glory, e ancora è rimasto tutto fermo, in una fase di stallo. Onestamente non potevo attendere tutto questo tempo…ho fatto più in questi sei mesi con i Queensryche che in tre anni con Jon Drenning e compagni. Ti ripeto, amo i Crimson Glory, li rispetto, ne ammiro il gran talento, ma credo ora di aver fatto la scelta migliore per tutti: per loro e per i Queensryche a questo punto!

Anche se sembra una cosa purtroppo usuale di questi ultimi tempi, soprattutto in America, dopo L.A.Guns, Great White…ora anche due bands con il nome di Queensryche…
Due?? Secondo te ce ne sono due? Noi SIAMO I QUEENSRYCHE! Semmai dall’altra parte c’è il cantante, o meglio, l’ex cantante dei Queensryche. Punto! Te ne sarai reso sicuramente conto anche tu durante il nostro concerto di ieri sera: noi siamo una band!! Ronnie James Dio aveva già pensato al progetto Hear’n’Aid negli anni Ottanta, è inutile cercare di imitarlo e di pensare di mettere in piedi un progetto simile…
Io [Michael] e Scott abbiamo iniziato i Queensryche! I Queensryche sono stati la cosa più importante e l’obbiettivo principale della nostra vita, abbiamo sempre pensato per il bene di questa band. Ora è giunto il momento di darne nuova linfa, onestamente eravamo molto delusi degli ultimi lavori discografici, dei sassofoni di Geoff, e della direzione artistica e musicale che ci aveva fatto intraprendere in quest’ultimo decennio. Non gli bastavano i suoi dischi solisti? A giudicare dal responso dei fans che abbiamo incontrato ai concerti in questi mesi siamo convinti che la netta maggioranza, semmai fossero ancora in dubbio e dovessero decidere, seguirà noi! Ora con Todd abbiamo creato questa nuova, formidabile squadra. Abbiamo deciso di rinnovare pure il nostro Management, abbiamo un nuovo Tour Manager, una nuova booking Agency, un nuovo cantante, un nuovo disco! Tutta questa ventata di novità ci ha regalato un entusiasmo che avevamo purtroppo perso da parecchi anni ormai! E con tutta questa carica che siamo entrati in studio per registrare il nostro nuovo album.

Ci parlate del nuovo disco?
Per il momento abbiamo pubblicato un nuovo brano, “Redemption” che anticipa quello che sarà il nostro prossimo album, in uscita il 10 giugno in Europa, l’11 nel resto del mondo.
http://youtu.be/6w4RfoUv9KU

Sapete già come si intitolerà l’album?
Sì, Certo!

Come si intitolerà ?
…Non te lo diciamo.

Grazie! Potete almeno anticiparmi se ci saranno degli extra, se avete registrato versioni di vecchie songs, magari rielaborate dal vostro nuovo cantante?
Ci saranno sicuramente delle sorprese, abbiamo parecchie idee in cantiere. Ma ovviamente non ti sveleremo niente durante questa intervista.

Grazie! Questa è sicuramente la miglior intervista non-informativa della mia vita…
[Risate collettive] Dai Max, non te la prendere. Dobbiamo rispettare alcune restrizioni imposteci dalla nostra nuova etichetta, la Century Media. Tra un paio di settimane, piano a piano, vi sveleremo un po’ di segreti e di dettagli. Al momento vogliamo mantenere il tutto avvolto nel più completo mistero! Abbiamo tonnellate di materiale, vecchio e nuovo, audio e video, extra dallo studio e dal vivo. Finalmente siamo liberi di poter scegliere noi cosa pubblicare. Un lusso che, da troppo tempo, non potevamo permetterci. Qualsiasi titolo daremo, suonerà molto “Queensryche”, sarà molto emozionante, anche la copertina vi stupirà e farà sicuramente piacere ai nostri fans.

Ho notato che intanto state passando da una crociera “metal” all’altra…
Al di là del clima diametralmente opposto, al Monsters of Rock Cruise di Miami c’erano quasi 30°C,

non certo come qui !!
 (Stoccolma ci ha accolto con una bella temperatura primaverile di poco superiore ai 4°C, A Turku invece c’era pure il ghiaccio…ndr]                                   

La Sweden Rock Cruise tra i ghiacci della baia di Turku, Finlandia

In entrambe le navi comunque, ci ha accolti la stessa atmosfera fantastica, l’entusiasmo crescente dei fans, tutti molto soddisfatti del repertorio che abbiamo scelto di riproporre loro dal vivo. E questa è la più grande dimostrazione che la nostra è stata la miglior scelta che potessimo mai fare. Durante gli “after show” ora ci fermiamo sempre a chiacchierare con i nostri fans, e non disdegnamo nemmeno di fare un po’ di festa con loro…cose che non ci succedevano da tempo
[Michael]  Ma qui ci son molti più vichinghi!! [risate collettive]

Immagino che all’album, farà seguito un tour promozionale?
Certo! Anche perché ci sentiamo principalmente una live band! Abbiamo in previsione un lungo tour negli States, a cui seguirà uno in Europa, a fine estate, tra i mesi di ottobre e novembre. Vogliamo suonare ogni giorno, girare il mondo senza neppure un giorno di riposo!! Tanto Todd è un ragazzino e con la sua voce può veramente cantare ogni giorno…
[Todd] Sì compirò 26 anni il prossimo mese [risate collettive]
[Michael] Ci siamo resi conto quanto, soprattutto in tour, la nostra band abbia raggiunto un feeling, una “chimica” un affiatamento che ci mancavano da troppo tempo! E questo ci ha dato un entusiasmo che non provavamo da anni. Quando ci esibiamo on stage ci divertiamo un mondo, e conseguentemente ci accorgiamo quanto anche i nostri fans siano molto soddisfatti e partecipino con gran calore ai nostri concerti. Stiamo finalmente ricevendo quello che meritavamo!
[Scott] Siamo tornati a sorridere, a divertirci, tutta questa “energia” la potrete cogliere nel nostro prossimo album! L’idea, la stessa che aveva fatto nascere il progetto “Rising West”, di riproporre canzoni vecchie durante i nostri concerti è stata accolta favorevolmente da tutti: da noi che non vedevamo l’ora di risuonarle, e dal pubblico in particolare. Era da troppo tempo che volevamo recuperare le pietre miliari che han fatto la storia di questa band :  “Warning”, “Queen Of The Ryche”, “The Prophecy”, "Take Hold of the Flame"…

Non dimenticatevi dell’Italia…
Come potremmo non ricordarci di Voi! Già durante l’ultimo tour, la data di Firenze fu indimenticabile, in assoluto la migliore di tutte, soprattutto se ci riferiamo al dopo concerto!
[Michael] I parenti di mia moglie son di Bassano del Grappa!
Grappa??? Allora veniamo a suonare sicuramente da voi!!! [risate]
Ciao Italia!!  (e si mettono a cantare una canzoncina improvvisata, in uno strano idioma che sembrerebbe italiano….)

alla fine abbiamo avuto anche la tracklist e il titolo dell'album: "Queensryche" 01. X2 Lullaby 02. Where Dreams Go To Die 03. Spore 04. In This Light 05. Redemption 06. Vindication 07. Midnight 08. A World Without 09. Don't Look Back 10. Fallout 11. Open Road