Intervista con i White Skull

Recensioni: White Skull

"Will of the Strong"


Intervista con i Thomas Hand Chaste

Recensioni: Where The Sun Comes Down

"Welcome"


L'Antro di Ulisse Vol. XXI

Recensioni: Pandora

"Ten Years Like in a Magic Dream"

Recensioni: Black Star Riders

"Heavy Fire"

Recensioni: Kreator

"Gods Of Violence"

Recensioni: Danko Jones

“Wild Cat”


Intervista con i Saxon

Recensioni: Paolo Siani ft Nuova Idea

"Faces With No Traces"

Recensioni: Ted Poley

"Beyond The Fade"

 

 

 

 

 

Recensione: Shiraz Lane "For Crying Out Loud"

Shiraz Lane "For Crying Out Loud"

(Frontiers Records)

Per Chi Ascolta: Sleazy Hard Rock

Gli Shiraz Lane provengono dalla Finlandia e stanno via via raccogliendo un meritato successo dopo tanti anni di onesta gavetta,fatta di ep e numerosi concerti dal vivo.La loro musica trae ispirazione dall'hard rock statunitense degli anni novanta (possiamo indicare al riguardo come modelli Slaughter,Skid Row e G'N'R) che,complice la giovane età media del gruppo,viene ravvivato da una componente di energia e freschezza davvero debortanti.For Crying Out Loud può a buon diritto definirsi il disco d'esordio sulla lunga distanza di questa formazione a cinque componenti che vede in Hannes Kett un cantante dotato di un timbro quasi femmineo e capace di raggiungere note molto elevate,quasi acute.La traccia d'apertura "Wake Up" suona davvero troppo simile a "Piece Of Me" degli Skid Row mentre l'AOR fa capolino nell'orecchiabile "M.L.N.W. (Make Love Not War)".La tagliente e quasi metal "House Of Cards" si contrappone alla più classica "Begging For Mercy",brano dal tiro quasi hair metal e contraddistinta da un coro accattivante. Sulla stessa falsariga sono la sferzante "Mental Slavery",dalla chiara influenza Mötley Crüe, e l'adrenalica "For Crying Out Loud",perfetta per essere cantata a squarciagola.Tuttavia le canzoni più interessanti arrivano quando il gruppo finlandese toglie il piede dal pedale dell'acceleratore e aggiunge vibrazioni blueseggianti a brani come la ballad "Same Ol Blues",elegante e complessa, e le più rockeggianti "Behind The 8-Ball" e "Bleeding".Gli Shiraz Lane differiscono per proposta sonora dalle recenti uscite di casa Frontiers e deliziano l'ascoltatore con un riuscito disco di hard rock sleazy di matrice statunitense fine anni ottanta/inizi anni novanta arricchito però dall'aggiunta di alcune sfumature tipicamente scandinave.Interessanti!


 

Massima Allerta: la title track ,vera esplosione di energia e l'elaborata ballata "Same Of Blues"

Colpo Di Sonno: Non pervenuto.Il disco è adrenalinico,privo di giri a vuoto o cadute di tono